Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Furti veicoli 19/09/2006

Furti veicoli Puglia 2005

Quarta regione in Italia per numero di furti di auto, nel 2005 vede un leggero calo, in controtendenza col dato nazionale. A Bari il 55% dei furti della regione. Crescono i furti di moto. Più che raddoppiati dal 2000. In calo i furti dei cinquantini

 


(Asaps) Se ci fosse un campionato nazionale dei furti di auto la Puglia si classificherebbe bene. Infatti la regione con le sue 19.357 vetture rubate nel 2005,viene subito dopo Lombardia, Lazio e Campania.
C’è da dire però che rispetto al quadro complessivo nazionale che fa segnalare un incremento del 3,32%, la Puglia vede i furti in calo dell’1,8%. Questo il quadro di un’inchiesta dell’Asaps che sarà pubblicata sul prossimo numero de il Centauro rivista ufficiale dell’associazione.
Al primo posto nella regione ovviamente la provincia di Bari che con 10.795 furti nel 2005, va addirittura in controtendenza rispetto ai 10.240 del 2004, con un incremento del 5,41%.
Bari da sola conta il 55,76% di furti di tutta la Puglia. Segue al secondo posto in questa poco ambita graduatoria Foggia, con 3.551 macchine involate, ma con un modesto calo dell’1,41% rispetto alle 3.602 del 2004. Viene poi Brindisi con 1.742 furti di auto, con un calo considerevole del 15% rispetto ai 2.048 dell’anno precedente. Taranto nel 2005 si è fermata a 1.691 furti, in calo del 5,8% rispetto ai 1.795 del 2004. Ma la migliore situazione è quella di Lecce che nel 2005 con 1.578 furti diventa l’ultima provincia nella graduatoria regionale, ma fa segnare un calo di addirittura il 23,7% rispetto allo scorso anno.
I rinvenimenti di auto nella regione sono stati 10.105, pari al 52,2%, un dato migliore rispetto alla media nazionale che nel 2005 si è fermata al 48,45%.

 
QUALI E QUANDO VENGONO RUBATE

 La più rubata agli italiani (e ai pugliesi) è ancora la vecchia Fiat Uno con 23.420 esemplari (molti furti d’uso), seguono la Punto con 10.811 e la Panda con 7.850. Prima delle straniere la Golf con 5.263 furti.
In quale orario vengono rubate più macchine? Non buttatevi subito a dire: “Di notte!”. Non è vero. Forse perché molte sono custodite nei box. Quella dopo la mezzanotte è la fascia oraria nella quale si rubano meno auto: 20.263 pari al 10,7%. L’orario top del rischio è quello serale con 84.924 sparizioni pari al 45%. Insomma quando andiamo a mangiare la pizza o al cinema la nostra macchina rischia di più. Al mattino sono state 35.200 le auto sparite (18,6%), al pomeriggio 30.961 (16,4%).

 
Furti motoveicoli

 Nei furti di moto anche la Puglia, con 1.762 veicoli spariti fa segnare nel 2005 un incremento del 7,63% rispetto all’anno precedente, leggermente inferiore però rispetto al dato nazionale che vede un aumento dell’8,45%. Dal 2000, con 776 furti, al 2005 la cifra è più che raddoppiata +127%, un dato che caratterizza l’incremento totale nazionale che nello stesso periodo è stato + 101%.
Anche in questo caso ovviamente Bari la fa da padrona con 991 furti, in aumento  del 15,37% rispetto agli 859 dell’anno prima. In questa graduatoria il capoluogo di regione è seguito da Taranto con 314 moto fatte sparire e un incremento del 13%. Seguono Brindisi con 171 furti, -11,4%, Foggia 153, e un incremento del 51,48% e infine ancora Lecce con 133 e un calo del 35,4% rispetto alle 206 moto rubate l’anno prima.

Furti ciclomotori

 In calo del 2,8% i furti di ciclomotori in Puglia, passati da 2.507 nel 2004 a 2.437 nel 2005, una percentuale però inferiore in questo caso a quella nazionale che ha fatto segnare un -4,95%.
A Bari nel 2005 sono spariti 1.372 cinquantini, con un incremento del 2,7% rispetto ai 1.336 rubati l’anno prima. In questo segmento di furti al secondo posto troviamo Lecce con 323 furti, che però fa segnare un calo del 17,4% rispetto ai 391 del 2004. Viene poi Taranto con 284 in calo del 3%, Foggia con 268 ma in incremento del 25 % rispetto ai 214 furti di motorini dell’anno prima. Ultima in questa graduatoria Brindisi con 190 furti e un calo del 30% rispetto ai 273 del 2004.

 
Elaborazione il Centauro – Asaps su dati Ministero Interno

 Forlì, lì 18.9.2006

 Giordano Biserni
Presidente Asaps


© asaps.it
Martedì, 19 Settembre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK