Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Furti veicoli 05/04/2007

FURTI MOTO E CICLOMOTORI

Continua l’incremento anche nel 2005 con 38.043 motocicli rubati, +8,45% rispetto al 2004. I furti sono addirittura raddoppiati rispetto ai 18.890 del 2000, anche se si deve considerare il sensibile aumento del parco. Lazio in testa con 9.051, seguono Campania con 6.314 (ma in calo) e Lombardia 5.301. Va meglio per i cinquantini.



Sapevamo che il trend dei furti di moto è in costante aumento. La conferma è venuta anche dai dati del 2005 che hanno toccato la cima di 38.043 motocicli rubati, con un aumento di quasi 3.000, + 8,45% rispetto ai 35.076 rubati nel 2004 (l’intera inchiesta sui furti di veicoli sarà pubblicata su il Centauro, rivista ufficiale dell’Asaps, sul numero di ottobre). Ma la cosa che ha sorpreso anche noi dell’Asaps e del Centauro abituati a cifre e percentuali è il fatto che dal non lontano anno 2000 il totale dei furti di moto in Italia è più che raddoppiato. Erano 18.890 al passaggio del millennio, oggi sono ben 19.153 in più, con una percentuale in aumento del 101,39%.
I rinvenimenti di moto rubate si sono fermati a quota 12.962, cioè il 34% del totale, una percentuale molto inferiore al quasi 50% delle auto rinvenute.
Pur tenendo conto che il parco delle due ruote in questi 5 anni ha avuto un’impennata - tra il ’90 e il 2004 l’incremento dei motocicli è dell’82%, e quello dei ciclomotori +50% (fonte: Rapporto sull’Ambiente) - il dato rimane meritevole di attenta riflessione.
La regione dove spariscono più moto è il Lazio che nel 2005 è balzato a quota 9.051 furti, con un aumento del 6,51% rispetto agli 8.497 del 2004. Segue la Campania con 6.314, che però si segnala - come per le auto - con una bella diminuzione dell’8,06% rispetto 6.868 moto rubate l’anno prima.
Terza nella hit parade dei furti di moto la Lombardia con 5.301 furti in incremento del 16,87% rispetto ai 4.488 del 2004.
Le regioni che hanno fatto segnare percentualmente i maggiori incrementi, se si escludono i casi dalla Basilicata che passando da 11 a 66 furti fa segnare un mega incremento del 500% e dell’Abruzzo che passa da 151 a 274 furti, +123%, sono la Toscana e l’Emilia Romagna che fanno segnare incrementi significativi rispettivamente del 47% e 45%.
Col segno meno la Valle d’Aosta che passa da 10 a 3 furti, -70%, ottimi dati anche dal Friuli -8,87%, la citata Campania -8,06%, l’Umbria -6,12% e infine la Sicilia -4,37%.
La città dove proprio non è consigliabile parcheggiare incustodita una moto è ancora Roma che nel 2005 ha visto rubate 8.777 moto, con un incremento del 6% rispetto alle 8.272 del 2004.
Segue Napoli con 5.048, ma in calo del 10,65% rispetto a un anno prima e Milano con 4.601 +19%.
Un paradiso di sicurezza per i motociclisti a Isernia con una sola moto rubata nel 2005, Pordenone con 2 furti, Aosta e tutta la Vallé e Oristano con appena 3. Molto bene anche Enna e Gorizia con appena 5 furti.

 Va meglio per i cinquantini

In controtendenza i furti di ciclomotori che si sono fermati nel 2005 a quota 43.166, in calo di 2.252 rispetto ai 45.418 del 2004, pari a un -4,95%
In questo caso la regione dove se ne rubano di più è la Lombardia con 6.739 ma in calo del 12,88%, subito seguita dal Lazio con 6.465, con -3% rispetto all’anno prima. Terza è la Campania con 4.677 cinquantini spariti e un calo dell’11,6%. In forte controtendenza la Basilicata +22,72% ma con appena 54 furti, l’Emilia Romagna +14,7% e ben 3.730 furti, e l’Abruzzo +13,86%.
Fra le città anche per i motorini è in testa Roma con ben 5.909 il 13,6% del furti totali, seguono Milano con 4.485 e Napoli con 3.249, poi Palermo con 1.769 e, a sorpresa, Firenze con 1.738, notoriamente città d’arte ma anche ad alta densità di cinquantini.
Le più sicure per i proprietari di ciclomotori sono Vercelli con 13 furti, Enna con 15 e Rieti con 17.

 
Elaborazione il Centauro – Asaps su dati Ministero Interno

Giordano Biserni
Presidente Asaps


© asaps.it
Giovedì, 05 Aprile 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK