Domenica 09 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Furti veicoli 09/09/2006

Furti auto nel 2005 - La situazione di Lombardia, Lazio e Campania

LA LOMBARDIA RICONQUISTA IL PRIMATO CON 36.207 FURTI DI AUTO
UNA MACCHINA SU 5 VIENE RUBATA NELLA REGIONE

Il 2005 ha restituito alla Lombardia il primato che già deteneva nel 2000 e che aveva volentieri perduto negli anni successivi: quello della regione con il maggior numero di auto rubate in Italia.

Infatti lo scorso anno, secondo i dati resi disponibili dal Ministero dell’Interno, in Lombardia sono state rubate 36.207 vetture su un totale di 188.540 rubate in Italia (19,2%). In sostanza quasi una macchina su cinque sparisce nella più grande regione italiana.

È ovvio che il dato va rapportato al parco circolante, rimane però il fatto che nel 2004 questo record (pur con 31.798 vetture rubate) non le apparteneva. La Lombardia l’anno prima era solo terza in questa graduatoria, preceduta da Campania e Lazio, che nel 2005 invece la seguono a posizioni invertite: 33.131 furti nella regione della capitale e 32.318 in Campania.

Si deve tenere però conto che di quel numero record di 36.207 vetture rubate nel 2005 (+13,8% rispetto al 2004), 15.409, pari al 42,5%, sono state ritrovate. Una media per altro più bassa rispetto a quella nazionale che è del 48,4%.

È Milano, neanche a dirlo, ovviamente la provincia dove si rubano più auto 25.949 (77,6% del totale della regione), in questo caso è preceduta però da Roma con 30.396.

Il capoluogo lombardo è seguito da Brescia con 3.693 furti e Bergamo 1.939; vengono via via Pavia con 1.029 furti, Como con 936, Mantova con 404, Lecco con 357, Lodi con 339, Cremona con 316 e infine l’isola felice della sicurezza, Sondrio, con appena 44 furti.

Se è vero che nel 2005, dopo una serie di anni in costante calo, si segnala una leggera inversione di tendenza con una crescita del 3,3%, la Lombardia si caratterizza per un incremento a due cifre + 13,8%.

Non molto migliore la situazione dei furti fra le due ruote. La Lombardia in questo caso è al terzo posto, con 5.301 sparizioni + 18,1% rispetto all’anno prima, preceduta dal Lazio 9.051 furti + 6,5% e Campania 6.314 furti -8%.

Addirittura peggiore la situazione per i furti dei ciclomotori. Sono stati 6.739 quelli rubati nel 2005 su un totale di 43.166, in calo del 12,9% rispetto al 2004, ma la regione rimane salda al primo posto seguita da Lazio 6.465 e Campania 4.677. Il calo nazionale in questo caso è del 4,9%.


LAZIO
A ROMA IL 91,5% DELLE AUTO RUBATE
POCHI I RITROVAMENTI
UN VERO RECORD PER I FURTI DI MOTO NELLA REGIONE

In una sorta di “coppa dei campioni” dei furti di veicoli il Lazio si classifica sempre fra le prime regioni in assoluto.

In particolare dal 2000 al 2005 è sempre stata, per i furti di auto, la seconda regione. Se nel 2000 con 41.226 furti il Lazio seguiva la Lombardia che ne faceva segnare 43.019, negli anni successivi la regione della capitale è stata sempre seconda dietro la Campania. Nel 2005 con 33.191 furti (+3,6% rispetto al 2004), in perfetta linea con l’incremento nazionale, segue ancora la Lombardia con 36.207.

A dire il vero più di furti auto nel Lazio si dovrebbe parlare di furti di auto a Roma dove sono state rubate ben 30.396 macchine su 33.191 del totale della regione, cioè il 91,5%. Nella capitale spariscono ancora 83 autovetture al giorno, una ogni 17 minuti.

Seguono, si fa per dire, Latina con 1.932, Frosinone con 423, Viterbo con 297 e infine Rieti con appena 143.

Una macchina rubata nel Lazio e a Roma in particolare ha poi poche probabilità di essere ritrovata. Solo 12.051 macchine sono state riconsegnate al proprietario nel 2005, pari al 36%. Una percentuale molto modesta rispetto al 48% del dato nazionale.

Molto più sconfortanti i dati del Lazio e di Roma per quanto riguarda i furti di motoveicoli tra il 2000 e il 2005. In questo caso il Lazio con 9.051 furti di cui 8.777 a Roma (97%) è ampiamente in testa. Si consideri che nel 2000 furono rubate nella regione 4.361 moto (4.276 a Roma); l’incremento nel 2005 rispetto al 2000 è del 107%. Anche in questo caso seguono Latina con 244 furti e le altre province con insignificanti unità: 12 furti a Frosinone, 10 a Viterbo e 8 a Rieti.

Su 9.051 moto sparite nel Lazio, solo 1.998 sono state ritrovate, cioè il 22%, contro il dato nazionale del 34% dei ritrovamenti.

Nel conteggio dei furti dei ciclomotori il Lazio con 6.465 sparizioni segue invece al secondo posto la Lombardia che nel 2005 ne ha contati 6.739. Anche in questo caso Roma con 5.909 furti copre il 91% del totale. Alle atre province il resto: Latina 410, Viterbo 70, Frosinone 59 e Rieti 17.


LA CAMPANIA VA IN CONTROTENDENZA: 25% IN MENO RISPETTO AL 2000

Una domanda: si rubano ancora molti veicoli in Campania? Risposta: sì, ma meno.

Infatti a fronte di un incremento nazionale del 3,3% di furti di auto in Italia nel 2005, la Campania va nettamente in controtendenza, con un bel -9,4%, tanto che passando da 35.670 furti di macchine nel 2004 a 32.318 nel 2005, la regione ha perso il primato nazionale a favore della Lombardia (36.207 furti) e del Lazio (33.191).

Un risultato ancor più sorprendente e positivo se si considera che da sempre la regione deteneva il primato assoluto. Dal 2000 al 2002 ha superato quota 42.000 furti, quasi 39.000 nel 2003, è poi scesa a 35.670 nel 2004 e 32.218 nel 2005. Sono quindi ben 10.576 in meno le macchine rubate rispetto alle 42.894 del 2000, con un calo del 25%.

Napoli da sola con 23.147 conta il 71% dei furti della Campania. Seguono lontane, ma con numeri elevati rispetto alla popolazione e al parco veicoli, Caserta con 4.728, Salerno con 3.252, Avellino con 738 e Benevento con 453.

Nella regione sono state poi rinvenute 13.018 autovetture pari al 40%, una percentuale più bassa rispetto a quella nazionale che tocca quota 48%.

Anche per i furti delle due ruote la Campania “si cava soddisfazioni”. Infatti nel 2005 con 6.314 furti di moto fa segnare un calo dell’8% rispetto al dato nazionale che vede i furti di questi mezzi in crescita dell’8,4%.

Anche in questo caso è Napoli a farla da padrona con 5.048 furti di moto, quasi l’80% del totale della regione. Seguono Salerno con 671, Caserta con 525, Avellino e Benevento con appena 39 e 31. In Campania si sono poi ritrovate 1.979 moto pari al 31%.

Nel segmento ciclomotori, rispetto ai furti in calo del 5% circa a livello nazionale, la Campania fa segnare una diminuzione dell’11,6%, passando da 5.295 furti nel 2004 a 4.677 nel 2005.

Anche in questo caso Napoli primeggia con 3.249 furti di cinquantini, quasi il 70%; Caserta ne subisce 677, Salerno 660, Avellino 50 e Benevento 41. Pochi i ritrovati, appena 890, corrispondenti al 19%. Il ciclomotore, 4 volte su 5, quando “cambia” proprietario… è per sempre.

Sabato, 09 Settembre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK