Giovedì 21 Ottobre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Pirateria 20/03/2003

La legge approvata in via definitiva dal senato Per i pirati della strada tre anni di carcere

da "Il Messaggero online" del 20-03-2003
La legge approvata in via definitiva dal senato
Per i pirati della strada tre anni di carcere

ROMA - Tempi più duri per i "pirati" della strada. Quello che fino a ieri era solo un auspicio è diventato realtà: il Senato, dopo un lungo "palleggio" con la Camera, ha approvato in via definitiva la legge che introduce il reato di omissione di soccorso legata ad un incidente stradale, prevedendo la pena fino a 3 anni di carcere per chi si dà alla fuga. Il provvedimento è stato varato dalla commissione giustizia di Palazzo Madama, dopo che tutti i gruppi avevano trovato un accordo per la sede deliberante, dando cioè il consenso a licenziare la legge senza passare attraverso l’aula. La relatrice del disegno di legge, Marina Magistrelli (Margherita), ha espresso la soddisfazione per il passo avanti che si farà con "questa norma di civiltà rivolta anche a scoraggiare comportamenti pirateschi da parte di chi sta al volante". La nuova norma prevede l’obbligo di fermarsi per chiunque sia stato coinvolto in un incidente con danno alle persone. Chi non si ferma rischia una pena da 3 mesi a 3 anni di reclusione. La stessa legge impone inoltre l’obbligo di soccorso nei confronti delle persone ferite. In caso di omissione la reclusione prevista è da sei mesi a tre anni. Può anche scattare l’arresto. La pena aumenta se l’incidente è causato da una condotta di guida particolarmente grave. La patente viene sospesa per un periodo variabile fra i 18 mesi e i cinque anni. Ma uno sconto è previsto per i "pentiti": chi omette di prestare soccorso, ma nelle 24 ore successive si presenta alla polizia giudiziaria confessando il reato, può evitare l’arresto. E per l’onorevole Giuseppe Fanfani si tratta di "un atto di civiltà". Il varo della legge "è indice - ha sottolineato - della comune consapevolezza di dover reprimere fermamente un fenomeno di degenerazione sociale che si manifesta in maniera ricorrente sulle strade italiane".

Giovedì, 20 Marzo 2003
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK