Martedì 30 Maggio 2017
area riservata
ASAPS.it su
NEWS CONTROMANO 21/04/2017

Contromano per dieci chilometri: 66enne semina il panico sulla Tangenziale Nord

L'uomo è stato fermato lungo la tangenziale Est

Un uomo di 66 anni, di Cernusco sul Naviglio, è stato fermato dalla polizia stradale di Seregno sulla A51, la tangenziale Est, all’altezza di Rubattino, dopo Cascina Gobba.

Al volante della sua Mitsubishi Space Star, ha percorso oltre dieci chilometri contromano, rischiando di finire contro numerose auto e di provocare incidenti. Solo per un caso nessuno è rimasto ferito. Gli è stata revocata la patente ed è stato sottoposto al alcoltest, che pare sia risultato negativo. La brutta avventura del pensionato, secondo quanto ricostruito dagli agenti della polizia Stradale di Seregno, è iniziata martedì mattina alle 5.30. Con la sua auto, è ha imboccato la A52 in direzione Nord, all’altezza di Sesto San Giovanni.

Nella sua folle corsa, subito ha rischiato un frontale con un’auto della polizia stradale di Seregno, diretta alla galleria San Rocco di Monza per un veicolo in panne. Per nulla turbato, l’uomo ha proseguito come se nulla fosse. Subito dopo ha urtato una Nissan Qashqai con a bordo due operai di Milano che stavano andando al lavoro. Una terza auto è stata sfiorata e la donna al volante, trovandosi di fronte l’auto in senso opposto, si è spaventata e ha avuto un malore.

Alla fine, dopo una folle corsa di dieci chilometri, il 66enne è stato fermato sulla A51, la tangenziale Est, all’altezza di Rubattino, appena dopo Cascina Gobba. Gli agenti della stradale di Milano Ovest, hanno fatto rallentare i mezzi alle loro spalle, e quando hanno visto apparire in lontananza la Mitsubishi, hanno posizionato le loro auto di traverso sulla strada, bloccando l’automobilista che ora rischia di dover dire addio alla patente.
 

da monzatoday.it


Un altro contromano fortunatamente conclusosi senza vittime. (ASAPS)

Venerdì, 21 Aprile 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK