Mercoledì 28 Giugno 2017
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 20/03/2017

Picchiavano e derubavano camionisti lungo la A14, arrestato il capo della gang

A lui sono arrivati gli agenti di polizia giudiziaria del Compartimento della Polizia Stradale delle Marche che sono partiti da un fatto avvenuto circa un anno fa nell'area Conero

Rapinava i camionisti che transitavano lungo la A14. Arrestato un 55enne di origini pugliesi. A lui sono arrivati gli agenti di polizia giudiziaria del Compartimento della Polizia Stradale delle Marche che, guidati dal dirigente Alessio Cesareo, sono partiti da un fatto avvenuto circa un anno fa quando un camionista portoghese fu assalito e picchiato da un gruppo di uomini mentre riposava nel suo mezzo nell’area di servizio Conero, carreggiata sud. Dopo aver lasciato la vittima esanime a terra, la gang portò via tutto il carico di pneumatici. Dopo mesi di indagine i poliziotti della stradale sono risaliti al 55enne e così ieri sono arrivati a Corato (Bari) dove lo hanno arrestato. Non prima di aver perquisito la sua abitazione dove gli inquirenti hanno trovato diversi elementi indiziari a carico dell’uomo, tra cui ricetrasmittenti e telefoni cellulari che secondo gli investigatori sono stati usati per compiere gli assalti.

Più di uno e sempre insieme ad altri compici perché la Stradale è convinta che il 55enne pugliese non solo sia il capobanda ma che si sia reso responsabile di altri colpi simili. Sempre a danno di autisti di tir, sempre lungo la direttrice autostradale 14. Le indagini, coordinate del pm Rosario Lioniello, proseguono partendo proprio da quanto trovato a casa del 55enne per individuare tutti i complici delle rapine.

 

Stefano Pagliarini
da anconatoday.it
 


Bloccato un predone di camionisti. (ASAPS)

Lunedì, 20 Marzo 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK