AREA RISERVATA
Notizie brevi 11/11/2013

ERANO STATI FERMATI PER FURTO DI RAME
Taranto, in 50 assediano la caserma
Volevano liberare gli amici arrestati
Assalto alla stazione del quartiere popolare Paolo VI I carabinieri «salvati» da polizia e guardia di finanza

(ASAPS: Ma la politica si rende conto di dove siamo arrivati??)

TARANTO - Sembrano scene da stadio con il classico assedio alle tifoserie della squadra avversaria. Ma il luogo delle intemperanze questa volta è la cancellata di una caserma dei carabinieri. Una cinquantina di persone nella serata di ieri ha tentato di assaltare la stazione al quartiere «Paolo VI» di Taranto per ostacolare le operazioni di arresto di cinque giovani che erano stati sorpresi nel pomeriggio a rubare rame in un deposito del vecchio supermercato «Mongolfiera». I ladri erano stati bloccati a bordo di un furgone nel quale era stata nascosta la refurtiva.

 

> FOTO -  L'assalto alla caserma



Un uomo, in particolare, avrebbe tentato di fare irruzione nella caserma entrando dal garage, ma è stato bloccato. In aiuto dei carabinieri sono intervenute pattuglie di polizia e guardia di finanza per riportare la calma tra le persone che avevano nel frattempo circondato la caserma. Ci sono stati momenti di grande tensione e la situazione è tornata alla normalità solo dopo un po' di tempo. I protagonisti del tentato assalto alla caserma sono stati tutti identificati; per alcuni di loro è scattata la denuncia. In manette per il furto sono finiti il 27enne Giacinto Lanucara, il 19enne Massimiliano Lanucara (che era sottoposto alla detenzione domiciliare), il 24enne Luciano Lanucara, il 23enne Davide Balestrieri e il 47enne Michele Bello, tutti già noti alle forze dell'ordine, sorpresi in flagranza mentre smontavano i pannelli in metallo. Uno di loro è stato subito bloccato, gli altri hanno cercato di eludere il controllo nascondendosi sul tetto della struttura ma sono stati fermati poco dopo.

 

da corriere.it


Lunedì, 11 Novembre 2013
print Stampa   mail Mail



Strumenti
print Stampa   mail Mail

Social Network
Blog
Newsletter
Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?