Venerdì 28 Novembre 2014
area riservata
ASAPS.it su

Milano
Ragazzo di 12 anni travolto e ucciso da un tram
Sarà denunciata la ragazza che ha aperto all'improvviso la portiera di un'auto parcheggiata in doppia fila

Dall'inizio dell'anno l'Osservatorio il Centauro Asaps ha monitorato 435 incidenti gravi nei quali hanno perso la vita 56 bambini fino a 13 anni di età. 41 erano trasportati, 11 pedoni e 4 erano in bicicletta

Il luogo dell'incidente

(ASAPS) Riportiamo sotto la cronaca tratat da il Corriere.it della tragica morte di un ragazzino di 12 travolto da un tram dopo essere caduto dalla sua bicicletta a causa dell'apertura di uno sportello di una maccina da parte di una ragazza.
Ricordiamo che dall'inizio dell'anno l'Osservatorio il Centauro Asaps ha monitorato 436 incidenti gravi nei quali hanno perso la vita 56 bambini fino a 13 anni di età. 41 erano trasportati, 11 pedoni e 4 erano in bicicletta. 291 incidenti, pari al 68% sono avvenuti nell'area urbana, 91  (28%) lungo statalie provinciali e 37 (8,5%) in autostrada. delle 56 vittime 31 avevano un'eta da 0-a 5 anni, 16 da 6 a 10 anni, 8  da 11 a 13 anni. (ASAPS)
 

MILANO - Sarà denunciata la ragazza che ieri sera in via Solari, aprendo la portiera dell’auto, ha provocato la caduta del piccolo Giacomo Scalmani, 12 anni, poi travolto dal Tram. La posizione della ragazza, che era su una Toyota Yaris insieme ad altri quattro amici, è al vaglio degli agenti della polizia locale e del pm Cristiana Roveda.
INDAGINE - La giovane era seduta sul sedile posteriore, dal lato del conducente, e stava per scendere dalla vettura parcheggiata da pochi secondi lungo il marciapiede, ma comunque in divieto di sosta in quanto occupava totalmente la corsia delle auto. Gli inquirenti stanno valutando anche la possibilità di indagare anche il conducente della Yaris, che non poteva sostare in quel punto. Più complessa invece la valutazione dei proprietari delle altre vetture parcheggiate lungo la strada, in questo caso saranno le perizie della magistratura a valutare eventuali responsabilità.


IL DOLORE - Domenica alla parrocchia di Santa Maria del Rosario, frequentata dal piccolo Giacomo e dalla sua famiglia, il parroco don Fausto Gilardi e i sacerdoti don Andrea e don Alessandro hanno ricordato il 12enne durante l’omelia della messa domenicale: «Una morte che colpisce tutta la comunità, dobbiamo stringerci intorno alla madre. Giacomo sabato sera aveva lasciato l’oratorio pochi minuti prima della tragedia, preghiamo per lui e perché queste tragedie non accadano più», ha detto don Andrea Quartieri. Sul luogo della tragedia in molti hanno portato un mazzo di fiori: «Addio Giacomo, piccolo angelo», uno dei biglietti lasciato sotto la pioggia. In strada però, nonostante l’incidente di sabato, restano ancora molte auto parcheggiate nella corsia riservata alle auto.


di Cesare Giuzzi
da Corriere.it

 

 

 

Lunedì, 07 Novembre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK