Giovedì 30 Ottobre 2014
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 01/09/2011

Ecco come funziona il Tutor in autostrada

Tutti i dettagli in un filmato della Polizia di Stato

Un fotogramma del video

(Asaps) Sono tante le domande che ci pervengono per sapere come funziona esattamente il Tutor in autostrada.
Ci viene in soccorso un filmato preparato dalla Polizia di Stato  che spiega dinamicamente tutte le modalità e le sequenze e che elimina tutti i dubbi. Un lavoro di ricostruzione, che dura 3,30 minuti,  fatto veramente bene. Guardatelo su Youtube. (Asaps)
 
Guarda il filmato

Sicurezza stradale: cos’è e come funziona il Tutor
La polizia stradale utilizza le moderne tecnologie per controllare in modo minuzioso il traffico sulle strade italiane, con l’obiettivo principale di renderle sempre più sicure.
Uno dei sistemi più innovativi si chiama Tutor e stabilisce la velocità media di un veicolo in un determinato tratto di strada.
Un video pubblicato sul canale Youtube della Polizia di Stato, spiega esattamente il funzionamento del Tutor.
Le aree in cui il sistema è in funzione sono segnalate, e questo crea un deterrente contro la velocità elevata, che è la causa di oltre il 60 per cento degli incidenti mortali sulla rete autostradale.
Il sistema individua e punisce chi, spingendo sull’acceleratore per lunghi tratti, mette a repentaglio la vita degli altri.
I dati relativi alle auto che hanno rispettato i limiti di velocità sono immediatamente eliminati dal sistema.
Il Tutor è automatico, e permette di impiegare le pattuglie della stradale in altri servizi come il soccorso, il rilievo di incidenti e il controllo sul trasporto di merci pericolose.
La Polizia di Stato rende note le strade dove sono operativi, giorno per giorno, gli strumenti di controllo della velocità. È un modo per invitare gli automobilisti a moderare la velocità nel rispetto dei limiti e prevenire gli incidenti

 

 

© asaps.it
Giovedì, 01 Settembre 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK